Azienda Agricola Panzera Santo

Little Mountain Farm
giugno 21, 2018
LOMBRICO FELICE
giugno 21, 2018

AZIENDA AGRICOLA PANZERA SANTO

Santo Panzera e’ nato a Melito Porto Salvo il 09/08/1968. È esperto Apistico e di Patologie, Vice Presidente FAI (Federazione Apicoltori Italiani) Calabria e componente C.d.A. Associazione Escursionistica Gente in Aspromonte. Le attività principali sono l’allevamento apistico, le coltivazioni di viti, olivi e mandorli e le escursioni storico-naturalistiche nel territorio di Ferruzzano e nel cuore dell’Aspromonte. L’azienda è a conduzione familiare infatti Santo è coadiuvato nella gestione dal fratello Giuseppe laureato in Scienze Forestali.

L’Azienda è stata oggetto di una profonda trasformazione mirata al suo passaggio dall’originario carattere di sussistenza ad uno di indirizzo, concentrando i maggiori sforzi su miele, vino, olio ed ultimamente mandorle. Tra le attività aziendali una posizione preminente è occupata dall’apicoltura, avviata nel 1999 sfruttando gli incentivi previsti dalla L.608/96 (Prestito d’onore) ed esercitata avvalendosi di moderne attrezzature, secondo i dettami della conduzione biologica degli alveari. La dislocazione degli apiari nei diversi terreni aziendali, rende le aree di bottinaggio delle api alquanto diversificate, con produzioni di mieli di diversa origine botanica. L’ area dell’Aspromonte Orientale rappresenta uno scrigno di preziosità storico-scientifiche-naturalistiche tutte da scoprire, frutto di un vivace, aspro, ma equilibrato rapporto millenario tra fenomeni geo-morfologico-ambientali.

Ad esempio Il Borgo di Ferruzzano abbarbicato su un promontorio roccioso a 474m. slm, un tempo ricco e noto per l’abbondanza e bontà dei suoi prodotti agricoli, per l’abilità dei suoi artigiani e per la calda ospitalità, ora quasi completamente spopolato e ridotto ad un vecchio alveare senza vita. L’Azienda Agricola Panzera è da anni impegnata, spesso invano, affinché queste vere e proprie emergenze archeologiche, naturali e culturali, che reclamano a viva voce conoscenza, conservazione e degna valorizzazione, possano fungere, alla luce di una nuova sensibilità e consapevolezza, da volano per uno sviluppo economico compatibile con i valori storico-naturalistici del territorio.